Saluti

Salutare è stesso un dovere ed è sempre una cortesia.

Si dovrebbe quindi salutare tutti, sia le persone che si conoscono bene o che ci sono state presentate, sia quelle con cui si entra occasionalmente in contatto.

Nel secondo caso non salutare non significa violare una rigida regole di galateo; significa però non adeguarsi a quelle buone maniere che non sono codificate in norme rigorose, ma nascono semplicemente dalla sensibilità istintiva.

E’ vero che la persona meno importante dovrebbe salutare per prima; ma aspettare il saluto anche quando si ha diritto a riceverlo, non è molto cortese. Il saluto dovrebbe essere sempre cordiale, istintivo e simultaneo.

Nel caso del militare in uniforme, il meno anziano saluta il superiore come prescritto dal regolamento.

Anche nel caso del saluto fra uomo e donna la questione è controversa.

C’è chi dice che è l’uomo che deve salutare per primo, in segno di rispetto, e chi, invece, sostiene il contrario in quanto alla donna potrebbe non far piacere, in quel momento, di vedere una persona.

In realtà l’uomo e la donna dovrebbero salutarsi contemporaneamente.

L’atteggiamento di chi saluta deve essere sempre composto.

Non ti saluta mai con la sigaretta tra le labbra o peggio con il boccone in bocca.

Sono sconsigliabili inoltre tutti gli eccessi di cordialità: niente pacche sulla schiena, niente saluti “originali”.

Anche i saluti troppo affettuosi non sono sempre ammessi: baci ed abbracci si addicono più ad un commiato in una stazione che ad un incontro per la via.

Il Manuale del Buon Contegno

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out /  Change )

Google photo

You are commenting using your Google account. Log Out /  Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out /  Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out /  Change )

Connecting to %s