La distanza dell’Etichetta

L’etichetta segna la distanza, maggiore o minore, che separa gli oziosi dai lavoratori.

I filosofi, i ribelli, i buffoni che deridono i convenevoli, non riceverebbero poi il proprio droghiere, fosse pure un elettore, con le stesse attenzioni con cui ospiterebbero un marchese.

Non ne consegue che le persone alla moda disprezzano i lavoratori: al contrario, hanno riservato loro una meravigliosa formula di rispetto sociale: ” sono persone degne di stima”.

Sarebbe avventato da parte di una persona elegante prendere in giro la classe industriale quanto infastidire una sciame di api o disturbare un’artista al lavoro: sarebbe di cattivo gusto.

I saloni sono quindi di chi ha il piede elegante, come le fregate di chi ha il piede marino.

Balzac

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out /  Change )

Google photo

You are commenting using your Google account. Log Out /  Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out /  Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out /  Change )

Connecting to %s